Reset Password

I tuoi risultati
16 aprile 2018

Toscana in tenda: cosa c’è da scoprire

La Toscana è una terra meravigliosa che merita di essere visitata nella sua interezza. Natura, città d’arte, mare ed enogastronomia sono solamente alcuni degli elementi che attraggono i viaggiatori di tutto il mondo e che spingono a vivere questa bellissima esperienza. Il viaggio costituisce la massima esplicazione della libertà dell’individuo che, recandosi in nuovi luoghi, riesce ad esprimere la sua personalità e il proprio desiderio di conoscere. Non esiste uno specifico periodo dell’anno per visitare la Toscana in quanto, grazie al suo clima mite e alle temperature tendenzialmente gradevoli, è possibile organizzare sempre un itinerario di viaggio. Certamente, per coloro che vogliano viverla appieno, inebriandosi con i profumi e i colori della campagna e riscaldandosi con i raggi solari, è consigliabile scegliere la primavera e l’estate, anche per una praticità di percorso. Per chi invece è amante delle atmosfere sognanti e anche un po malinconiche, con la natura che perde le foglie e il fresco pungente dei venti marittimi, è consigliabile scegliere l’autunno, una stagione che, in particolare nei primi mesi, offre anche delle splendide giornate soleggiate con clima godibile.

toscana in tenda

La vacanza in Toscana in tenda

La vacanza in Toscana in tenda da campeggio (se anche tu sei un appassionato di questo tipo di esperienze visita il sito www.tende-da-campeggio.it) costituisce il sinonimo di avventura, un modo per viaggiare estremamente interessante che consente di contenere le spese e, al contempo, vivere immersi nella natura. Nonostante esista lo stereotipo che individua questa tipologia di viaggio effettuata esclusivamente dai giovani squattrinati che, per la voglia di girare in lungo e in largo, sacrificano le varie comodità, in realtà è una modalità molto apprezzata, in particolare da persone provenienti dal Nord Europa che comprendono la necessità di staccare la spina dalla quotidianità e di visitare delle località in modo più semplice e spartano. Ultimamente, tale tendenza si è estesa anche in Italia, sia come risposta alla crisi economica che come vera e propria idea di viaggio. Poiché occorre fare di necessità virtù, a causa di problemi di lavoro e di mancanza di fondi, molte famiglie negli ultimi anni avevano dovuto rinunciare, loro malgrado, a fare le vacanze, grazie al campeggio, ciò può essere evitato.

La Toscana è tra le regioni italiane maggiormente organizzate dal punto di vista del turismo in tenda in quanto, non solo offre dei paesaggi selvaggi in cui è possibile campeggiare liberamente, senza richiedere alcuna autorizzazione ma, allo stesso tempo, vi sono anche numerose aree attrezzate.

Dal momento che la vacanza in tenda prevede la predisposizione dell’accampamento al suolo, a diretto contatto con la terra o il terreno, coloro che si dedicano a questi tipi di viaggio, per una questione di praticità, scelgono i mesi estivi.

Il campeggio estivo in Toscana è ricco di mete da raggiungere e di posti da scoprire, sia famosi e conosciuti come anche le novità assolute.

Con riferimento alle aree parcheggio, lungo tutta la costa che si affaccia sul mar Tirreno, dalla Maremma sino a giungere ai confini con la Liguria, vi sono numerose realtà che consentono ai campeggiatori di avere uno spazio privato in cui fissare la tenda, l’accesso diretto al mare e alla pineta, i servizi igienici, ristorazione, bar, snack e intrattenimento con animazione e mini club per i più piccoli. Fare un viaggio in tenda può essere dunque interpretato in due modi differenti, ossia come un’occasione per isolarsi e godere la visione dello spettacolo della natura oppure come una maniera, economica, per fare una vacanza piacevole e divertente con tutta la famiglia.

Toscana in tenda: Coast to coast

Il primo itinerario di viaggio suggerito a coloro che vogliono scoprire la Toscana in tenda è certamente il coast to coast. Ossia percorrere tutta la riviera tirrenica che, partendo da Capalbio e dalla bassa Maremma, giunge fino a Massa Carrara. La costa, lunga oltre 300 km, offre ai propri visitatori una vista privilegiata del mare che cambia colore a seconda della profondità. Il mezzo di trasporto ideale per questo percorso è la moto, sulle due ruote infatti è possibile attraversare l’antica strada regionale, SR 206, immersa totalmente nel verde e naturale passaggio verso le distese di campagna in cui corrono liberi i cavalli selvaggi, rincorsi dai butteri, moderni cow boy dei tempi recenti. Le soste possono essere stabilite a seconda dei posti che si desidera vedere da vicino. Ad esempio, una visita ad Orbetello è irrinunciabile in quanto si tratta di una magnifica cittadina in provincia di Grosseto che consente di raggiungere, con un piccolo ponte, il monte Argentario e Porto Santo Stefano, altra località famosa per gli amanti della vela e degli sport acquatici.

Toscana in tenda e il contatto con la natura

Sempre ad Orbetello, è imperdibile la visita dell’oasi naturale del WWF, in cui è possibile osservare da vicino numerose specie animali, come gli aironi, i fenicotteri rosa e il falco pescatore. Tale località viene segnalata anche per la bellezza delle spiagge, basse e sabbiose, contornate dalle pinete. Proprio sfruttando l’ombra di queste pinete, nell’area sorgono numerose zone attrezzate per il campeggio che consentono ai viaggiatori di respirare l’aria pulita del mare ed il profumo della resina del pino marittimo che protegge la spiaggia dai venti.

Esistono diverse tipologie di campeggi, con servizi e prezzi variabili a seconda delle esigenze dei turisti. Vi sono pacchetti speciali per la bassa stagione, in giugno e settembre, e proposte last minute pubblicizzate anche attraverso i maggiori siti internet.

Cultura ed enogastronomia

La Toscana non è solamente mare e spiaggia ma rappresenta anche un luogo magico per assaporare i prodotti della terra. Le vacanze in tenda presso l’area di Montalcino, le colline toscane in cui viene coltivato il celebre vitigno del Brunello, costituiscono l’occasione per potere osservare da vicino l’operosità dei toscani e dei vignaioli che curano le proprie vigne ancora con i metodi della tradizione. Durante il periodo della vendemmia, tra la fine di settembre e gli inizi di ottobre di ogni anno, le cantine accolgono i visitatori e i turisti che vogliono cimentarsi con questa attività, contribuendo alla raccolta. Vengono organizzate delle aree attrezzate per tende e camper in tutta la provincia di Siena, con la possibilità di assaggiare i salumi, i formaggi e le altre prelibatezze del territorio. Durante tali periodi vengono organizzate inoltre delle giornate dedicate alla cucina, in cui apprendere i segreti e le ricette classiche della cucina toscana, una cucina povera ma composta da ingredienti unici, introvabili in altre regioni. La pappa col pomodoro, la ribollita, il lampredotto sono solamente alcuni esempi.

Lascia un Commento